21enne gambizzata a Vibo Valentia, forse non era lei l’obbiettivo dell’agguato

Era uscita dal bar dove lavorava a Nicotera, Vibo Valentia, per prendersi una pausa dal lavoro e fumarsi una sigaretta ed è stata colpita da alcune fucilate alle gambe. Una bruttissima serata per una barista 21enne del luogo che è stata gambizzata, Marisa Putortì, madre di un bambino: la donna è stata colpita dalle fucilate provenienti da un’auto che era di passaggio.

fucileEra appena uscita dal locale e si era seduta ad un tavolo per prendersi un attimo di pausa. Ma forse, ipotizzano adesso le forze dell’ordine, non era lei l’obbiettivo dell’attentato, forse è finita sulla traiettoria degli spari diretti ad altri. La ragazza è rimasta ferita e nella notte è stata operata per rimuovere i pallini del fucile dalle sue gambe. I carabinieri adesso lavorano febbrilmente per comprendere chi fosse il vero obbiettivo delle fucilate alle gambe, e se vi sia una correlazione fra l’agguato ed il mondo della criminalità.

Per comprendere chi fosse il vero obiettivo della sparatoria, i carabinieri esamineranno le telecamere del sistema di video sorveglianza che si trovano nella zona antistante al bar dove l’agguato è avvenuto. Per ora i carabinieri non escludono alcuna ipotesi circa l’agguato che fortunatamente non ha avuto gravi conseguenze.

Mariagrazia Roversi