Aleppo, morto nel bombardamento il fratellino di Omran

aliomranNon ce l’ha fatta il fratellino di Omran Daqneesh, il bimbo siriano di 5 anni salvato dalla macerie della sua abitazione dopo i bombardamenti che hanno colpito e continuano a colpire la città di Aleppo. La foto del bimbo all’interno dell’ambulanza della Protezione civile siriana, con lo sguardo perso nel vuoto, il corpo ricoperto dalla polvere e la ferita sanguinante alla testa, è stata pubblicata da tutti i media del pianeta e ha fatto il giro del mondo.

Il suo fratello maggiore, Alì, di 10 anni, è morto per le ferite riportate nello stesso bombardamento che ha distrutto la casa dei Daqneesh.

Oltre ad Alì, sarebbero morti altri sei bambini insieme alla loro madre sempre in conseguenza di un bombardamento, avvenuto in un altro quartiere di Aleppo. I bimbi e la donna erano rispettivamente i figli e la moglie di un attivista locale dell’opposizione che in quel momento non si trovava in casa.

“Aleppo rischia di morire. La citta’, un tempo la più popolosa della Siria e centro delle sue attività economiche, è il simbolo dell’orrore di questa interminabile guerra di cinque anni“. Lo ha detto l’inviato speciale delle Nazioni Unite, Staffan de Mistura, intervenendo al meeting di Comunione e Liberazione in corso a Rimini.