Iraq, cintura esplosiva sotto la maglia del Barcellona: fermato 12enne

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:48

iraqkirkukStava per farsi esplodere provocando l’ennesima strage. Per fortuna l’intervento delle forze dell’ordine ha evitato che l’attentatore potesse portare a termine l’insano gesto. Il nuovo tentativo di attacco terroristico è accaduto ieri sera a Kirkuk, la capitale del Kurdistan iracheno, capitale del Governatorato di Kirkuk, a 250 chilometri circa dalla capitale Baghdad.

Un ragazzino di 12 anni è stato infatti fermato con indosso la cintura esplosiva ben nascosta sotto la maglia del Barcellona di Leo Messi. Lo strumento di morte era infatti ben imboscato sotto la maglietta blaugrana, riportante il numero 10 del campionissimo argentino.

Stando a quanto riferito dai media curdi, sono stati i peshmerga a bloccare il 12enne e ad impedirgli di portare a termine il folle piano. Gli agenti lo hanno bloccato e hanno disinnescato l’ordigno esplosivo, come testimoniato da alcune immagini. Nelle foto si vede come il ragazzino, in preda al panico, viene portato via dagli agenti che provvedono a rendere l’ordigno inoffensivo. 

Il giovanissimo attentatore ha la stessa età del responsabile della strage di Gaziantep, in Turchia, che si è fatto esplodere durante una festa di nozze provocando la morte di 51 persone – tra cui circa 29 bambini e adolescenti – e moltissimi feriti. L’attacco non è stato ancora rivendicato, ma il premier Erdogan ha parlato di “matrice ISIS molto probabile”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!