Terremoto, salta la festa dell’amatriciana ma non la generosità: donati 2€ per ogni piatto

Il terremoto ad Amatriciana ha interrotto la vita di molte persone ed anche tante iniziative di festa e di gioia: come la celebre festa dell’Amatriciana, che sarebbe stata ospitata nella cittadina a partire da sabato per la 50esima edizione. Ovviamente la festa è saltata in conseguenza al tragico terremoto, ma in compenso si è scatenata la generosità in rete, lanciata da un appello del food blogger e grafico Paolo Campana. L’uomo, sui social, ha avuto un’intuizione geniale ed ha scritto: “Bisogna muoversi veloci. Ci provo. Nei prossimi giorni ci doveva essere una festa e invece… lancio una proposta a tutti gli amici ristoratori. Nei prossimi giorni devolviamo tutti un euro per ogni piatto di amatriciana ordinato e consumato?!”.

amatricianaEd i ristoratori hanno rilanciato: ne doneremo due, uno ce lo mette il cliente ed uno il ristoratore. Soldi che verranno donati per le zone colpite dal sisma e per le migliaia di sfollati. Lo slancio di generosità, come spesso avviene, è stato contagioso: moltissimi ristoranti hanno esposto un cartellone dove si ribadisce l’adesione alla campagna. Sopra v’è scritto: “Per ogni piatto di amatriciana ordinato, verranno donati 2 euro alle popolazioni di Amatrice e delle zone colpite dal sisma. Uno lo mettiamo noi (il ristorante, ndr) uno lo aggiunge il cliente!”.
Sui social si sono scatenati gli hashtag #AMAtriciana e #unamatricianaperamatrice.

Un’iniziativa che ha scatenato subito un grande successo, ma non sono mancate anche delle grandi cadute di stile come quella di Daniela Martani, ex concorrente Grande Fratello e vegana, che è mancata assolutamente di tatto pubblicando su Facebook un post dove dice: “È li che hanno inventato l’amatriciana? E allora è il karma…”. Molti internauti hanno puntato il dito contro l’insensibilità della donna nei confronti delle 247 uccise dal sisma.

Mariagrazia Roversi