Nuova Zelanda: il marito muore sui monti, lei sopravvive un mese al gelo

Una donna di trent’anni, originaria della Repubblica Ceca, è stata salvata da dei soccorritori sul lago Mackenzie, nel sud della Nuova Zelanda, dopo che vi era rimasta per un mese. La donna era in compagnia del marito, che con un visto vacanza e lavoro erano nel territorio, ed il 24 luglio erano partiti per un’escursione in uno dei percorsi più belli del mondo: il Routeburn Track.

nuova zelandaPurtroppo, però, il percorso è affascinante e immerso nella natura ma molto isolato e pericoloso nel corso dell’inverno, a causa delle grandi nevicate. Dopo solo quattro giorni di viaggio la coppia aveva perso l’orientamento: l’uomo è precipitato in un crepaccio e purtroppo è morto, la moglie è rimasta da sola ed è riuscita a sopravvivere per quattro settimane al freddo sulle montagne neozelandesi. Cibandosi di alcune provviste che avevano conservato, e coprendosi con gli abiti a disposizione, la donna è rimasta per un mese da sola.

Ha poi dipinto una grande H (che sta per “help) sulla neve nella speranza di essere raggiunta dai soccorritori e così è avvenuto. La scomparsa della coppia all’ambasciata della repubblica Ceca era stata segnalata solamente la settimana scorsa. Fortunatamente la donna, nonostante lo shock e la perdita, è salva e sta abbastanza bene.

Mariagrazia Roversi