Orban: “Costruiremo un secondo muro per fermare i migranti”

muroungheriaNon basta il muro eretto per bloccare il flusso di migranti. L’Ungheria sta pensando di realizzare una seconda barriera, dato che secondo il premier Viktor Orban quella già esistente non sarebbe più sufficiente.

Ad annunciarlo è stato proprio l’arcinoto leader nazionalconservatore magiaro, che parlando ad una radio ungherese ha confermato la necessità di erigere un secondo muro “ancora più robusto e difficile da oltrepassare”. 

L’inasprimento delle misure contro gli immigrati arriva anche in vista del referendum di ottobre, dove gli elettori sono chiamati a dire sì o no all’imposizione di quote di ripartizione di migranti da parte della Ue a ogni Stato membro. E la vittoria del No appare alquanto scontata.

“La misura ci sembra necessaria anche tenendo conto della possibilità che la Turchia cambi la sua politica verso i migranti – ha sottolineato Viktor Orban – Se ciò accadrà, arriveranno a centinaia di migliaia ai nostri confini”. Il premier ha inoltre precisto che “la pianificazione della nuova opera è già in corso”.

Il leader nazionalconservatore dell’Ungheria, Viktor Orbàn, ha provveduto anche a rafforzare da 44mila a 47mila il numero di poliziotti e soldati dispiegati alla frontiera per fermare i migranti. Budapest, inoltre, riflette ormai da tempo anche sulla possibilità di estendere la barriera al confine con la Romania.