Messico, diciassettenne muore a causa di un succhiotto

succhiotto-720x439Un momento di passione adolescenziale è costato la vita ad un diciassettenne di Città del Messico: Julio Gonzales Macias era tornato a casa con il segno visibile di una notte di passione con la sua ragazza (un succhiotto), il segno violaceo per quando impressionante è solitamente innocuo, dunque nessuno in famiglia ci ha fatto caso nemmeno quando il giovane si è seduto a tavola per mangiare insieme ai suoi parenti. Durante la cena, però, Julio è caduto improvvisamente a terra in preda alle convulsioni, i familiari hanno chiamato l’ambulanza, ma l’arrivo dei soccorsi è stato inutile, perché il ragazzo dopo poco è morto.

Com’è possibile? Sembra che l’accumulo di sangue (creatosi proprio a causa del succhiotto) sia arrivato al cervello causando un ictus. L’insensata morte del figlio ha fatto impazzire di dolore la madre che subito dopo il decesso ha inveito contro la fidanzata accusandola di omicidio, la giovane, una ragazza di 24 anni, oltre alla morte del suo fidanzato si è vista accusare di omicidio ed ha fatto perdere le sue tracce.

Per quanto assurda possa sembrare questa storia, non si tratta del primo caso di formazioni di ictus dovute a circostanze simili: qualche anno fa in Nuova Zelanda una donna di oltre quarant’anni è rimasta paralizzata dopo un ictus causato proprio da un succhiotto.