Colorado, uomo si lancia con l’auto a 120 km/h per uccidere il figlio di 2 anni

La seguente è una delle storie che non potrebbero mai sembrare vere, se non ci fossero le fonti a confermarlo. In Colorado, vicino ad Arapahoe County, un uomo di 29 anni ha cercato di uccidere suo figlio in un incidente stradale scagliandosi con l’auto a 120 km/h. L’uomo, Nathan Weitzel, padre del piccolo Isaia, al momento del fatto era sotto l’effetto di cocaina.

coloradoStava guidando l’auto, ha slacciato la cintura di sicurezza del bambino di due anni che era in macchina con lui e poi si è schiantato per cercare di ammazzare il piccolo. Il bambino, Isaia, miracolosamente è sopravvissuto riportando tagli, commozione celebrale, una frattura alla gamba, ma non è in pericolo di vita come hanno assicurato i medici. Ai poliziotti che l’hanno trovato, l’uomo ha detto che stava cercando “un buon posto per parcheggiare la macchina e uccidere suo figlio” dato che ”non pensava di essere abbastanza uomo per crescere un bambino”.

Weitzel è stato accusato di tentato omicidio di primo grado, di lesioni, di aggressione di secondo grado e abusi su minori. Il piccolo intanto si trova in ospedale ma la madre, Nancy Lopez, non ha abbastanza soldi per le cure. Sul web è stata lanciata una raccolta fondi, sul sito GoFoundMe, per aiutare la donna che ha chiesto permesso di dieci settimane dal lavoro che non saranno retribuite, al fine di stare col bimbo.