Terremoto, la vignetta di Charlie Hebdo fa infuriare gli italiani: “Non è satira”

Finché si parlava di critica di religione andava tutto bene, ma in questo caso qualcosa di diverso è scattato negli Italiani. Stiamo parlando della polemica nata dalla nuova vignetta del giornale satirico francese Charlie Hebdo, reso noto al mondo dopo gli attacchi terroristici che hanno colpito la sede e decimato i fumettisti, causati da estremisti islamici infuriati per le vignette su Maometto.

charlieQuesta volta al posto del profeta dell’Islam o di Dio abbiamo i cittadini del Centro Italia, delle regioni colpite dal terremoto, raffigurati come delle lasagne sepolte sotto le materie. L’indignazione collettiva non si è fatta attendere: la nuova copertina di Charlie Hebdo non è piaciuta proprio a nessuno. “Sisma all’Italiana” è il titolo dell’edizione del 31 agosto, nel bel mezzo delle polemiche sulla ricostruzione mentre si piangevano i morti del Centro Italia.

Una vignetta che rappresenta diversi piatti italiani, come le penne al pomodoro, quelle gratinate e poi “lasagne” con la raffigurazione dei corpi dei morti sotto le macerie. Che si tratti di cattivo gusto non c’è dubbio, compresa anche la freddura che sulla stessa pagina scrive: “Non si sa se il terremoto abbia urlato Allah u akbar prima di colpire”. Ma questa vignetta non è piaciuta a molti e la polemica è appena iniziata.