Studente USA creduto morto per 12 anni, è in Corea del Nord ed insegna inglese

L’avevano dato per morto dal 2004, quando David Sneddon era scomparso in Cina mentre si trovava nella provincia di Yunnan, in un periodo di studio e vacanza all’estero. Il giovane aveva al tempo 24 anni ed era iscritto ad un’università statunitense. Il giorno in cui fu denunciata la sua scomparsa, il fratello lo attendeva all’aeroporto di Seul, ma lui non giunse mai.

coreaFu allora che la sua famiglia iniziò a preoccuparsi. Il ragazzo, studente della Brigham Young University, era scomparso il 26 agosto del 2004. La polizia cinese aveva dichiarato che il giovane era morto probabilmente in un incidente sul fiume Tiger Leasing Gorge, un canyon situato nella provincia di Yunnan dove David era in vacanza, ma il corpo non era mai stato trovato e la famiglia non aveva mai creduto a questa tesi.

Adesso secondo il capo dell’associazione “Famiglie delle vittime rapite dalla Corea del Nord” il giovane si troverebbe proprio in Corea del Nord, dove sarebbe stato rapito per insegnare l’inglese al dittatore Kim Jong Un. Non si sa se la notizia sia attendibile, ma sempre secondo il capo dell’associazione Sneddon abiterebbe proprio a Pyongyang e avrebbe anche una moglie e due figli. Il suo lavoro? David farebbe proprio l’insegnante d’inglese.

Mariagrazia Roversi