Alfano: “Charlie Hebdo? Gli direi dove infilarsi la matita…”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:38

charlie“La vignetta di Charlie Hebdo? Gli suggerirei dove infilarsi la matita…”. Così il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, ha commentato la vignetta disegnata dal noto periodico settimanale satirico francese, salito alla ribalta mondiale per i tragici fatti del 7 gennaio 2015, quando un commando di terroristi ha fatto irruzione nella redazione uccidendo 12 persone, tra cui il direttore Stephane Charbonnier.

Nella vignetta finita nel polverone delle polemiche, Charlie Hebdo raffigura le vittime del terribile terremoto che ha devastato la zona del centro Italia compresa tra i comuni di Accumoli, Amatrice e Arquata del Tronto come fossero dei piatti di pasta, sotto il titolo “Séisme à l’italienne”. Immediata la reazione sui social network da parte di tantissimi italiani, tanto che, sulla pagina Facebook della rivista, la fumettista Coco ha ritenuto opportuno specificare il significato della prima vignetta disegnandone un’altra: “Italiani… Non è Charlie Hebdo che costruisce le vostre case, è la mafia!”. Ma la mossa della fumettista è servita solo ad alimentare ulteriormente le polemiche, tanto che l’ambasciata francese ha deciso di prendere pubblicamente le distanze dal periodico satirico.

“Noi abbiamo pianto i loro morti, loro hanno riso dei nostri”, ha detto il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, rispondendo ad una domanda sulla vignetta apparsa sulla rivista francese Charlie Hebdo: “Usando la loro satira – ha aggiunto – avrei un suggerimento su dove devono infilare la loro matita”.