Sbaglia rotta e atterra a Melbourne: il responsabile è un pilota australiano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:41

australiaaereoQuello che poteva apparire in un primo momento come un dirottamento non era altro che un banale errore fatto da chi meno te l’aspetti. Il volo partito da Sydney con 212 passeggeri a bordo sarebbe dovuto atterrare a Kuala Lumpur, in Malesia: ma il velivolo ha preso una rotta completamente diversa ed è finito a Melbourne, “mancando il bersaglio” per migliaia di chilometri.

Motivo? Un errore clamoroso da parte del pilota del mezzo, che ha comunicato delle coordinate di volo totalmente sballate: quando si è reso conto dell’errore, era ormai troppo tardi per rimediare.

Il fatto è accaduto nel marzo del 2015, ma è stato reso noto soltanto ora dopo la pubblicazione dei risultati di un’inchiesta svolta dall’Australian Transport Safety Bureau, l’ente australiano per la sicurezza nei trasporti.

L’equivoco sarebbe stato provocato dall’errato inserimento manuale delle coordinate: compito che solitamente spetta al copilota, ma che per sopraggiunti problemi in cuffia ha espletato il comandante.  Quest’ultimo avrebbe inserito i dati che leggeva su un cartello fuori dalla cabina di pilotaggio: 15 gradi e 19,8 minuti est invece di 151 gradi e 9,8 minuti est.

“Il risultato è stato un errore di posizionamento di ben 11.000 chilometri, che ha creato problemi al sistema di navigazione dell’aereo, innescando allarmi – si legge nel resoconto – Data l’impossibilità di ritornare a Sydney, si è scelto di fare ‘scalo’ a Melbourne, dove l’aereo è rimasto fermo tre ore prima di poter ripartire alla volta di Kuala Lumpur”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!