Austria, le buste non si chiudono: a rischio ballottaggio Van Der Bellen-Hofer

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:15

vanderbellenhoferNon c’è pace per la politica austriaca. Il ballottaggio tra il leader dei Verdi, Alexander Van Der Bellen, e quello dell’ultradestra, Norbert Hofer, rischia di saltare nuovamente.

In molti ricorderanno quanto accaduto lo scorso maggio: nel testa a testa per le elezioni presidenziali, Van Der Bellen era riuscito a spuntarla al ballottaggio grazie al cosiddetto voto “postale”, che gli aveva permesso di sopravanzare di pochissimi voti lo sfidante. Ma la destra populista aveva immediatamente fatto ricorso, e in effetti la Corte Costituzionale ravvisò moltissime irregolarità che portarono all’invalidamento dell’esito del ballottaggio, ordinandone la ripetizione.

Oggi è ancora il voto per posta a far temere un rinvio delle elezioni. Lo scandalo, denunciato dalle testimonianze di molti lettori sul quotidiano Die Presse, riguarderebbe un problema con la colla delle buste che contengono le schede elettorali: in sostanza, alcuni elettori non riuscivano a chiudere le buste perché la colla non teneva, mentre altri hanno riferito di aver ricevuto buste difettose, mezze aperte.

Particolari che hanno spinto il ministro dell’Interno, Wolfgang Sobotka, a prendere in considerazione anche l’ipotesi di un rinvio del voto del 2 ottobre. Le date più probabili sono il 13, il 20 o il 27 novembre.

Per il cancelliere Christian Kern il rinvio del voto è da considerarsi come “ultima istanza”, mentre il leader dei populisti della Fpoe, Hans-Christian Strache, ha chiesto l’abolizione del voto postale.