Francia, arrestate tre donne: avevano giurato fedeltà all’IS e preparavano attentati

A Parigi tre donne sono state arrestate nella giornata di ieri, nella banlieue di Boussy della metropoli francese. Le donne stavano preparando attentati, in particolare alla Gare de Lyon. Una delle tre donne arrestate è la 19enne radicalizzata che aveva lasciato un’automobile imbottita di bombole di gas poco distante dalla cattedrale di Notre Dame. Gli inquirenti ancora non sanno dire se si sia trattato di un attentato fortunatamente fallito per incapacità della donna di collegare le bombole ad un detonatore.

policeSecondo gli inquirenti, le tre donne volevano “vendicare l’uccisione del ‘ministro degli attentati’ di Daesh”. La 19enne che ha lasciato l’auto di fronte alla cattedrale, Madani Ines, “aveva prestato giuramento allo Stato Islamico”. La donna è stata arrestata ieri dalla polizia. Una delle tre donne fermate nel corso dell’operazione anti terrorismo era legata anche al jihadista che uccise una coppia di poliziotti francesi a Magnanville il 14 giugno. Larossi Abballa.

Un’altra invece era in contatto con Hayat Boumedienne, la donna del killer del supermercato ebraico. L’arresto è avvenuto, secondo fonti di polizia, al termine di una vera e propria “corsa contro il tempo” perché gli attentati erano imminenti. “Fanatiche e radicalizzate”, così il ministro dell’interno Cazeneuve ha definito le donne arrestate.

Mariagrazia Roversi