Anniversario 11 settembre, Al Qaeda incita i jihadisti: “Musulmani combattete”

Alla vigilia dell’anniversario della caduta delle Torri Gemelle a New York, avvenuta 15 anni fa, l’11 settembre del 2001, Al Qaeda nella figura del suo leader Ayman al-Zawahiri continua ad incitare i jihadisti al combattimento. “Musulmani combattete” è l’invito diffuso dal terrorista per mezzo di un video, intercettato dalla direttrice dell’intelligente Group, Rita Katz, che si occupa proprio di controllare i movimenti dei jihadisti sul web.

Come noto, Al Qaeda si dissocia dall’IS e vuole combattere per proprio conto. “Affiancate i talebani afgani e rifiutate l’Isis” aveva detto Zawahiri nel suo ultimo appello, scegliendo come nuovo modello di ispirazione il capo del talebani, Haibatullah Akhundzada, come nella tradizione del gruppo terroristico e di Osama Bin Laden. In questo nuovo video Zawahiri rinnova la minaccia nei confronti dell’Occidente, senza specificare determinati obbiettivi.

Tutto l’Occidente “infedele” è meta prediletta per i terroristi islamici. Al Qaeda vuole probabilmente ricordare il momento nella storia nel quale più si è parlato di lei, l’11 settembre 2001, e ritornare sulla scena adesso che il Califfato sembra essere l’inca grande preoccupazione dell’Occidente. A 15 anni dall’anniversario del tragico attentato, che si celebra domani, Al Qaeda vuole ricordare al mondo la sua esistenza e tutto l’orrore che ha causato.

Mariagrazia Roversi