Padoan: “Economia italiana non sta crescendo come vorremmo”

padoan“L’economia italiana non sta crescendo così rapidamente come vorremmo”. Ad affermarlo è il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, che ha anticipato una revisione al ribasso delle previsioni di crescita “anche nei dati che il Governo rilascerà ad Ottobre”.

Le parole di Padoan confermano i timori degli economisti dopo la crescita zero registrata dall’Istat nel secondo trimestre 2016.

Tuttavia, il ministro dell’Economia tiene a precisare che “l’economia sta crescendo dopo tre anni di prolungata recessione e perdita di pil e capacità produttiva e sta generando posti di lavoro”.

“Se c’è una creazione di posti di lavoro più che proporzionale rispetto alla crescita economia e l’economia diventa a maggiore intensità di lavoro forse è perché c’è stato un benvenuto cambiamento di struttura“, ha spiegato Padoan.

Padoan conferma quanto detto da Renzi ieri a Battipaglia: le tasse saranno ulteriormente abbassate nonostante il rinvio del taglio IRPEF. “Stiamo guardando ad altre voci di spesa su cui intervenire – ha detto Padoan – Abbiamo abbassato le tasse sia per le famiglie in termini di reddito disponibile sia per le imprese fin dall’inizio e continueremo a farlo. Certo dobbiamo farlo in modo credibile”.

Il ministro si è poi soffermato anche sul voto al referendum costituzionale: “La riforma del Senato – ha detto – renderà più celere e efficace il processo legislativo oltre a ridurre i costi della politica. Votare sì, non solo riduce i costi ma semplifica la macchina pubblica“.