Omicidio Katia dell’Omarino, arrestato un 24enne che ammette: “Sono io il killer”

Katia dell’Omarino era stata uccisa nella notte fra l’11 ed il 12 luglio del 2016. Il suo corpo fu trovato a Sansepolcro, piccolo paese in provincia di Arezzo, lungo il torrente Ara. Katia presentava delle gravi ferite alla testa, causate probabilmente dal kit di riparazione dell’auto o comunque da un oggetto contundente. Adesso i carabinieri hanno arrestato il giovane che è accusato di aver commesso il barbaro omicidio: si tratta di Piter Polverini, 24 anni, abita a San Giustino Umbro.

katiaIl giovane ha ammesso di aver ucciso Katia, ma lo ha fatto non in presenza del suo avvocato. Di fronte al pm Julia Maggiore ed all’avvocato, infatti, egli si è avvalso della facoltà di non rispondere. Ma ai carabinieri ha detto di aver colpito ed ucciso Katia con un martello mentre litigavano sul prezzo di una prestazione sessuale. L’arma è stata trovata nel preciso punto dove il giovane ha detto di averla gettata.

La notte del delitto i due si erano incontrati alla Perla Nera, un bar di Sansepolcro. Un barista vede il ragazzo con Katia, la macchina con cui si allontanano viene immortalata da diverse telecamere. Il suo Dna viene ritrovato e il riscontro è positivo. Il giovane frequentava in maniera occasionale la 40enne che è stata uccisa.