USA, imminente l’offensiva su Dabiq: “Battaglia finale con l’ISIS”

dabiqLa coalizione internazionale a guida USA sta preparando la battaglia finale per la definitiva sconfitta dello Stato Islamico. La prossima città da riconquistare è Dabiq, in Siria, che per l’ISIS è il luogo dell’apocalisse contro i ‘crociati’.

Dabiq è una delle principali roccaforti dell’ISIS, insieme a Raqqa: una sua caduta avrebbe ripercussioni politiche molto forti all’interno dello Stato Islamico. Ecco perchè le truppe statunitensi si stanno raggruppando con quelle turche e le milizie arabe: l’obiettivo è sferrare molto presto un’offensiva verso Dabiq, per strapparla dalle mani dell’ISIS e assestare un colpo durissimo ai jihadisti.

Intanto Obama si è detto preoccupato per il rispetto degli accordi riguardanti il “cessate il fuoco” in Siria. Il presidente USA ha chiaramente specificato che il fronte comune anti-ISIS con la Russia sarà possibile solo dopo “sette giorni continui di violenze ridotte e un sostenuto accesso umanitario”. L’accordo, finora, sembrerebbe ancora ad un livello poco avanzato.

Intanto le consultazioni che dovevano svolgersi venerdì sera al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sulla Siria sono state annullate all’ultimo minuto su richiesta di Mosca e di Washington. “Su richiesta degli Stati Uniti e della Russia, la presidenza del Consiglio ha annullato le consultazioni”, ha indicato la missione della Nuova Zelanda.