Amatrice, la terra torna a tremare: scossa magnitudo 4.1. Nel fine settimana sgombro della tendopoli

Una nuova scossa, magnitudo 4.1, è stata registrata questa notte in Centro Italia. L’epicentro è stato proprio fra i paesi colpiti dal disastroso terremoto di agosto, fra Amatrice ed Accumoli. La scossa, secondo l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, è stata registrata ad una profondità di 10 km all’1:24 di mattina. Non si è trattata dell’unica scossa, altre l’hanno seguita, fra cui una di magnitudo 3.2 alle 3:20 della mattina, ed una di magnitudo 3.4 alle 5:30 della mattina.

amatriceIntanto si sta pensando di sgombrare finalmente le tende da Amatrice. Nel comune, ci sono 850 persone che dormono e vivono ancora nelle tendopoli a distanza di un mese dal catastrofico terremoto di magnitudo 6.0 che ha ucciso 297 persone la notte fra il 23 ed il 24 agosto. Ma adesso arriva l’inverno, e la situazione nelle tendopoli inizia a farsi insostenibile.

Sta arrivando il freddo, la pioggia c’è già da giorni, e in tenda non si può più stare. Da venerdì liberiamo i campi” ha sostenuto il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, che nell’ultimo mese è sempre rimasto in prima linea fra la sua gente. La Protezione Civile dovrebbe costruire delle case provvisorie al posto dell’attuale tendopoli, che ora come ora è gestita dall’ANPAS. Dal fine settimana le tendopoli dovrebbero venir chiuse per la costruzione di case per chi ha perso tutto nel terremoto.

 Mariagrazia Roversi