22 Settembre 2016: si festeggia San Maurizio martire

Il 22 Settembre si celebra il “dies natalis” di San Maurizio, martire sotto Diocleziano.

Venerato dalle Chiese Cattolica e Copta, Maurizio nacque a Tebe nel III secolo e fu generale dell’Impero Romano e capitano della cosiddetta Legione Tebea (o Tebana), che operò dapprima in Mesopotamia, poi in Europa Centrale e nelle aree transalpine.

La famigerata Legione Tebea, costituita di 6600 soldati cristiani reclutati in Egitto dal generale Massimiano Erculeo, prestava servizio all’impero romano di Diocleziano.

Il vescovo di Lione Eucherio (434-450 d.C.) riporta, in una missiva inviata al suo ausiliario, che l’imponente legione fu adoperata per sedare le rivolte contadine dei Bagaudi, scoppiate nelle Alpi Svizzere, e le incursioni dei barbari in Gallia.

Ivi si narra che, giunti oltre il passo del Gran San Bernardo, Massimiano impose ai legionari di perseguitare e uccidere le popolazioni locali del Vallese convertitesi al Cristianesimo.

Tuttavia, persuasi da Maurizio, i soldati furono irremovibili nel rifiutarsi di compiere quell’eccidio e benché riconoscenti verso il loro generale, ricusarono gli ordini di Massimiano e furono condannati prima alla flagellazione e infine decapitati, il 22 Settembre 287 presso Agaunum, l’attuale Saint Maurice-en-Valais, in Svizzera.

Secondo un’altra versione i soldati capitanati da Maurizio furono trucidati dopo essersi rifiutati di compiere sacrifici per onorare gli Dei pagani.

Il Martiriologo Romano fissa la data del martirio il 22 Settembre e celebra San Maurizio insieme ai suoi soldati Candido, Essuperio e al veterano Vittore.

San Maurizio è considerato il patrono del Corpo degli Alpini, delle Guardie Svizzere e di alcuni ordini cavallereschi e soprattutto di Casa Savoia.

Michela De Minico