Siria, ancora raid su Aleppo: 80 morti, molti bambini

siriamortiCi sarebbero purtroppo molti bambini tra gli 80 morti provocati dai nuovi bombardamenti che hanno colpito la zona est di Aleppo, in Siria.

La zona della città è controllata dai ribelli jihadisti – islamisti che si oppongono al regime di Assad, che sta utilizzando la forza per riprendere il controllo dell’area, coadiuvato dalle forze russe.

Come riportato da “Repubblica”, il capo della protezione civile della zona, Ammar al Selmo, riferisce di oltre 70 morti e almeno 40 edifici distrutti il bilancio, mentre l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) afferma che in uno di questi raid, sul villaggio di Beshqati, ad ovest di Aleppo, sono stati uccisi 12 membri della stessa famiglia, tra i quali 6 bambini o adolescenti. 

Tutto questo mentre la diplomazia internazionale lavora per raggiungere un accordo che garantisca il cessate il fuoco. Ma l’accordo tra USA e Russia è ben lontano dall’essere raggiunto: lo stesso Staffan DeMistura, inviato speciale dell’ONU, ha definito l’ultima riunione del Gruppo di Supporto internazionale “molto deludente”.

Nelle prossime ore a New York il segretario di Stato Usa John Kerry e il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov si incontreranno prima dell’intervento del ministro degli esteri russo in Assemblea Generale all’Onu. L’obiettivo è proseguire nelle trattative per raggiungere un accordo sulla tregua.