Terremoto, Renzi: “Almeno 4 miliardi di danni”

terremoto“Il terremoto ha causato almeno 4 miliardi di danni”. Lo ha detto in conferenza stampa il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che ha rivisto al rialzo le stime del capo della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, che ha parlato di una cifra tra i 3 e i 4 miliardi.

Per Renzi l’analisi va verificata punto su punto. “Il terremoto ha colpito luoghi dove ci sono state vittime, ma ha creato in altre zone lesioni importanti – spiega il premier – Stiamo gestendo con un atteggiamento molto serio la ricostruzione, senza promesse, senza show, senza effetti speciali per una realtà molto difficile, ma che noi vogliamo ricostruire come prima e più bella di prima”.

Il presidente del Consiglio si è soffermato anche su Casa Italia. “Lì è un discorso diverso e più complesso – ha detto Renzi – L’obiettivo è creare un cambio di mentalità da qui a 15 anni nel modo di concepire le costruzioni, la pianificazione urbanistica, nel modo di prevenire alcuni eventi, nel modo di tenere insieme efficientamento energetico, miglioramento e adeguamento sismico e innovazione ambientale”.

In particolare per quanto riguarda le scuole: per il premier su questo tema non sono ammesse superficialità. “Sulle scuole non si scherza. Qui parla un padre, non il presidente del Consiglio. Faccio appello ai sindaci, anche a quelli fuori dal cratere sismico. Mettete subito i soldi per progettare interventi che aiuteranno la sicurezza dei nostri figli a scuola”.