Hollande: “Campo profughi Calais da chiudere, ma Regno Unito faccia la sua parte”

hollandeprofughi“I britannici facciano la loro parte nello smantellamento del campo profughi”. Lo ha detto il Presidente francese, Francois Hollande, in occasione della sua prima visita ufficiale nella cittadina di Calais, dove da tempo è presente un gigantesco campo profughi. Una situazione che ha portato la Gran Bretagna ad avviare la costruzione di un muro per evitare che i migranti raggiungano in massa le coste inglesi.

Hollande ha fatto chiaramente capire che la Francia non ha alcuna intenzione di realizzare delle migliorie all’interno del campo, ma allo stesso tempo non vuole essere nemmeno l’unica ad interessarsi dello smantellamento. In poche parole, anche il Regno Unito deve fare la propria parte.

Il campo profughi è la causa della crescente tensione all’interno della cittadina francese, tanto che i cittadini sono già scesi in piazza per protestare e chiedere l’immediato smantellamento dello stesso. Una posizione sostenuta anche dal sindaco di Calais, Natacha Bouchart, che ha manifestato per le strade della città insieme alla popolazione.

Anche per il presidente Hollande il campo profughi va chiuso definitivamente: il leader francese incontrerà i rappresentanti politici, dell’imprenditoria e delle associazioni, ma non si recherà all’interno del campo. Troppo alto il rischio di attentati terroristici: in Francia il livello di pericolo è ancora molto elevato.