27 Settembre 2016: la Chiesa Cattolica venera San Vincenzo de’ Paoli

Il 27 Settembre la Chiesa Cattolica celebra la memoria liturgica di San Vincenzo de’ Paoli.

Vincent de Paul (questo il suo vero nome), nacque a Pouy, in Guascogna, il 24 aprile 1581 da una famiglia di piccoli agricoltori. Fino a 15 anni aiutò i genitori a lavorare i campi e a badare ai porci.

Il padre lo iscrisse a l’École des Cordeliers, un collegio gestito dai frati francescani, dove studiò con profitto e abnegazione. Cosicché divenne tutore dei figli di un amico di famiglia, Monsieur Comet.

Studiò teologia a Tolosa e nel settembre del 1600 fu ordinato sacerdote.

Secondo la tradizione nel 1605, mentre viaggiava da Marsiglia verso Narbona, Vincent fu catturato dai pirati turchi e venduto come schiavo in Tunisia, ove rimase due anni. Avendo convertito al Cristianesimo il suo padrone riuscì a fuggire.

Alcuni studiosi ritengono che la vicenda della cattura e della prigionia in Tunisia in realtà celi una fuga, poiché Vincent aveva contratto dei debiti.

In ogni caso una volta libero fu a Roma e poi, nel 1612 a Clichy, non lontano da Parigi, dove divenne parroco e incontrò il suo maestro spirituale Pierre de Bérulle, grazie al quale iniziò a insegnare il catechismo e dedicarsi alla cura degli infermi e all’aiuto dei poveri.

Prestò servizio come tutore presso la ricca famiglia dei marchesi Gondi e nel 1633 fondò la Città dei Poveri, nata dalla congregazione delle Figlie della Carità.

Fu anche consigliere di Luigi XIII. A Parigi fornì assistenza alle vittime di guerra e fondò un ospizio per gli anziani.

Morì il 27 Settembre del 1660. Le sue spoglie giacciono nella Cappella di Saint-Vincent-de-Paul, a Parigi.

Fu canonizzato il il 16 1737 da Papa Clemente XII.

Michela De Minico