Brasile choc: 13 politici candidati alle comunali uccisi negli ultimi 10 mesi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:33

In Brasile è strage di politici, una strage che odora di corruzione, di interesse economico e di droga. Nell’arco di dieci mesi, sono stati già 13 i politici assassinati a sangue freddo perché candidati alle comunali, con un programma evidentemente “fastidioso” per qualche potente della zona. Le elezioni comunali si terranno il 2 ottobre nelle città brasiliane, ma il clima è rovente. Ieri un candidato assessore per il municipio di Carioca è stato ucciso con diversi colpi d’arma da fuoco, sparati alle spalle.

brasileL’uomo, militare in congedo, è stato ucciso mentre si trovava in campagna elettorale a Itaborai, nella regione metropolitana di Rio de Janeiro. La sezione omicidi della polizia brasiliana sta indagando in tredici assassini, che hanno avuto come vittime proprio tredici politici, tutti candidati alle elezioni municipali di ottobre. Tutti gli omicidi sono avvenuti nella periferia di Rio. Sembra essere qualcosa di più che una semplice coincidenza. 

Gli inquirenti hanno accertato che tre delle vittime probabilmente avevano “pestato i piedi” all’organizzazione criminale dei furti di benzina, mentre altro quattro sarebbero stati uccisi perché il loro operato contrastava con l’interesse dei signori della droga e nei narcotrafficanti del luogo. 
Ancora una volta, dopo le luci scintillanti delle Olimpiadi, il Brasile torna ad immergersi in quella quotidianità fatta di violenza, sangue e corruzione.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!