L’Italia torna a tremare: Umbria e Sicilia colpite da sciami sismici

siciliaGli sciami sismici tornano a preoccupare i vulcanologi italiani: dopo il terribile sisma che ha scosso l’Italia, distruggendo Amatrice ed Accumoli, 33 giorni fa, nuove scosse interessano il nostro paese suscitando la preoccupazione degli esperti: le prime scosse sono state registrate due giorni fa nella zona nord-est dell’Etna (in direzione Taormina) con epicentro superficiale (solo 5 km in profondità). Per fortuna si è trattato di sismi di breve entità (la scossa più forte è stata di magnitudo 3.0 sulla scala richter) ma il numero di scosse è stato talmente elevato da attirare l’attenzione dei vulcanologi che hanno monitorato costantemente la situazione.

Sebbene non siano state registrate altre scosse nei pressi del vulcano siciliano, oggi il nostro paese a ricominciato a tramare in diverse regioni: a largo della costa calabra è stata registrata una scossa di entità 2.5 sulla scala richter, mentre due ore dopo una scossa della stessa entità è stata registrata nella provincia di Vercelli (Piemonte). Ma la situazione più preoccupante riguarda l’Umbria, nelle ultime ore, infatti, Norcia è stata interessata da un gran numero di scosse(sette in tutto) la più forte delle quali con magnitudo 2.7  ecco l’ultimo aggiornamento offerto dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia:

 

– ore 00.18 (NORCIA) – M2.0
– ore 03.40 (NORCIA) – M2.3
– ore 06.06 (NORCIA) – M2.7
– ore 12.20 (NORCIA) – M2.1
– ore 12.31 (NORCIA) – M2.5
– ore 12.34 (NORCIA) – M2.4
– ore 12.46 (NORCIA) – M2.1