Aleppo, le truppe di Assad riprendono il controllo della città

aleppoIl regime di Damasco riconquista pezzi di Aleppo. Le truppe di Assad sono infatti riuscite a riprendere il controllo dei quartieri controllati dai ribelli che si oppongono al potere politico del leader siriano.

Il prezzo pagato è altissimo: Assad non ha esitato a riempire di bombe la città di Aleppo pur di riprendere il controllo della città ed in particolare del quartiere al-Falafira. Negli ultimi giorni, infatti, si sono intensificati gli attacchi aerei congiunti da parte delle aviazioni siriane e russe sui quartieri orientali di Aleppo, dopo la rottura della tregua tra USA e Russia. I guerriglieri sono fuggiti lasciando molte mine disseminate nel terreno: unità militari del genio stanno procedendo al disinnesco.

Intanto l’UNICEF fa sapere che ad Aleppo “oltre 100mila bambini sono stati costretti a bere acqua da fonti non sicure, o da fori superficiali nelle tubature o da pozze d’acqua che fuoriusciva dai tubi rotti”.

“Privare i bambini di acqua pulita – spiega Hanaa Singer, rappresentante Unicef in Siria – li espone al rischio di epidemie di malattie legate all’acqua e si aggiunge alla sofferenza, alla paura e all’orrore che i bambini ad Aleppo vivono giorno dopo giorno”.

Anche il Papa, durante l’udienza generale a San Pietro, ha rivolto un pensiero alla “martoriata Siria”. “Continuano a giungermi notizie drammatiche sulla sorte delle popolazioni di Aleppo, alle quali mi sento unito nella sofferenza, attraverso la preghiera e la vicinanza spirituale”, ha detto Bergoglio.