San Diego, polizia spara e uccide 30enne afroamericano

sandiegoUn altro afroamericano di 30 anni vittima di una sparatoria da parte delle forze dell’ordine statunitensi. Non si ferma l’escalation di violenze che stanno interessando gli USA, con protagonisti la polizia americana e la comunità afroamericana.

Alfred Orlango, 30 anni, è morto in ospedale dopo essere stato ferito da diversi colpi d’arma da fuoco esplosi da agenti della polizia di El Cajon, un sobborgo di San Diego (California).

Secondo quanto riferito dalla polizia, pare che l’uomo, di fronte all’alt, stesse per estrarre qualcosa dalla tasca: gli agenti, temendo fosse una pistola, hanno aperto il fuoco, uccidendo Orlango.

Il capo della polizia di El Cajon, Jeff Davis, ha raccontato che non è ancora chiaro quale fosse l’oggetto, ma di certo non si trattava di una pistola. Molto discordanti le versioni sull’accaduto: alcuni testimoni raccontano che Alfred Orlango si trovasse con le mani in alto, e pertanto sarebbe stato impallinato senza alcun motivo. 

“L’inchiesta sull’accaduto – scrive la polizia su Twitter – è appena iniziata, ma sulla base del video volontariamente consegnato da un testimone appare che l’uomo non aveva le mani in alto”.

L’ennesimo caso di violenza ha scatenato le proteste della comunità afroamericana: in oltre duecento sono scesi per le strade, protestando contro la polizia e accusando gli agenti di razzismo.