Terremoto dell’Aquila, la procura chiede tre anni per Guido Bertolaso

bertolasoTre anni di reclusione: è questa la condanna richiesta dal procuratore generale Romolo Como nei confronti di Guido Bertolaso nell’ambito del processo “Grandi Rischi Bis” inerente al terremoto dell’Aquila del 6 aprile 2009.

L’ex capo della Protezione Civile è accusato di omicidio colposo plurimo e lesioni. In particolare, stando a quanto sostenuto dall’accusa, Bertolaso avrebbe organizzato e condotto una “operazione mediatica perché vogliamo rassicurare la gente”, come riportato nelle intercettazioni quando lo stesso convocò la riunione di esperti del 31 marzo 2009, cinque giorni prima del terremoto del 6 aprile.

Nel corso della penultima udienza del processo, svoltasi ieri presso il Tribunale dell’Aquila, il pg Romolo Como ha chiesto tre anni di reclusione per l’ex capo della Protezione Civile. L’udienza si è caratterizzata per la requisitoria del procuratore generale e per l’arringa dell’avvocato distrettuale dello Stato, Filippo Patella, che assiste il responsabile civile, ovvero la presidenza del Consiglio.

Come riportato dal quotidiano locale “CityRumors”, dovrebbe invece slittare all’ultima udienza, fissata per venerdì prossimo 30 settembre, l’arringa difensiva del legale di Bertolaso, l’avvocato Filippo Dinacci. Oltre al suo intervento sono previste anche le repliche dell’accusa, eventuali controrepliche dei difensori, camera di Consiglio e sentenza.

Guido Bertolaso, ex capo della Protezione Civile, è accusato di omicidio colposo plurimo e lesioni.