Trieste, chiama per 4 volte il 118 ma i soccorsi non arrivano: donna di 78 anni muore in casa

Un terribile episodio di mancato soccorso a Trieste ha portato alla morte di una donna di 78 anni, Loredana Luin. La donna, lo scorso 23 aprile (ma della notizia si è saputo solo ora) è stata male ed ha chiamato per ben quattro volte il 118, ma nessuna ambulanza è partita per soccorrere la donna che è morta poco dopo. La morte, come l’autopsia ha determinato, è stata dovuta da “evento aritmico di recente insorgenza”.

triesteLa figlia della vittima, Luisa Postogna, si è resa conto per prima della morte della madre. Il giorno stesso, preoccupata dal fatto che la madre non rispondesse al telefono, si era recata verso le 19 in casa. Lì ha visto la madre, dalla finestra, giacere a terra accanto al frigorifero. Ogni soccorso sarebbe stato vano. La donna ha presentato denuncia per mezzo dell’avvocato nei confronti della Procura, annunciando anche la volontà di una causa civile. Nell’esposto si legge che è “rilevato che possa ravvisarsi un palese e tragico disservizio pubblico”.

La 78enne era morta dopo aver fatto ben quattro chiamate al 118, che la figlia ha trovato sul cellulare: una all’1:30, una all’1:34, una all’1:35 e una all’1:38, l’ultima, durata 57 secondi. Sembra che al 118 abbiano sottovalutato i sintomi della donna, che faceva fatica a respirare, e per questo nessuna ambulanza era partita. Il medico aveva poi constatato che la donna non aveva più richiamato dopo che le aveva consigliato di assumere un’aspirina per quello che sembrava un raffreddore. Ma la donna non aveva più richiamato perché purtroppo era morta.