Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Kerry, ultimatum alla Russia: “Stop ai raid o fine dei rapporti”

CONDIVIDI

johnkerry

“Fermate immediatamente i raid sulla Siria o interromperemo le comunicazioni”. E’ l’ultimatum degli Stati Uniti alla Russia, che in queste ore sta proseguendo nei bombardamenti sulla città di Aleppo in sostegno all’esercito siriano di Assad che sta via via riprendendo il controllo dell’intera città ed in particolare dei quartieri occupati dalle forze ribelli che si oppongono al regime del leader.

“Washington è pronta ad interrompere qualunque tipo di interazione sulla Siria, se il Cremlino non farà passi immediati per fermare l’offensiva su Aleppo e ristabilire la tregua che era stata negoziata il 9 settembre scorso”. Lo ha detto il segretario di Stato americano, John Kerry, che ha espresso grave preoccupazione per gli attacchi che stanno colpendo ospedali e molte altre strutture civili. “Il segretario dell’ONU, Ban Ki Moon, ha chiarito che gli Stati Uniti e i loro partner considerano la Russia responsabile di questa situazione, incluso l’uso di bombe incendiarie e anti bunker in un ambiente urbano, una drastica escalation che mette i civili a grande rischio”.

A rincarare la dose è stato proprio il segretario generale dell’ONU, intervenuto durante il Consiglio di Sicurezza: “Coloro che usano armi sempre più distruttive sanno esattamente cosa stanno facendo. Sanno che stanno commettendo crimini di guerra – ha detto Ban Ki Moon – Immaginate la distruzione. Persone con gli arti mutilati. Bambini in terribile dolore senza alcun conforto. Immaginate un macello. Questo è peggio”.