Home Notizie di Calcio e Calciatori

Fiorentina: Il bomber del ritorno in A, Christian Riganò, torna al franchi in versione extra large

CONDIVIDI

rigano

La carriera calcistica di Christian Riganò non è stata delle più strabilianti, l’esordio calcistico è avvenuto nel 1992 con il Lipari, squadra dilettantistica in cui a militato per cinque anni, poi il Messina, L’Igea Virtus ed il Taranto nelle serie professionistiche inferiori, annate che gli anno consentito di guadagnarsi l’etichetta di bomber di razza ed una chiamata in C2 con l’appena fondata Florencia Viola (in seguito al fallimento la squadra del capoluogo toscano aveva dovuto cambiare nome). A Firenze Riganò è diventato presto un idolo, i primi due anni ( in C2 ed in B) ha letteralmente trascinato i toscani alla doppia promozione segnando 53 reti in 76 partite.

I due anni in A, invece, lo hanno ridimensionato, troppo grande il salto di categoria arrivato a 31 anni, troppo macchinoso per il calcio dei grandi hanno pensato i dirigenti che lo hanno ceduto all’Empoli, ma per i tifosi della viola Christian è comunque rimasto un idolo incontrastato. Dopo una stagione fenomenale con il Messina sempre in Serie A nel 2007 (Riganò si prese la rivincita sui propri detrattori e su chi non aveva creduto in lui dopo la prima stagione fallimentare) è cominciato il declino verso le serie inferiori e poi la decisione di smettere con il mondo del calcio nel 2014.

Dopo undici anni dall’ultima apparizione con la maglia della Fiorentina, ieri sera Christian è tornato al Franchi per una partita di beneficenza, il pubblico che lo ha tanto amato però non è riuscito a riconoscerlo perché l’ex bomber dopo due anni di inattività si è ripresentato in forte sovrappeso, sfigurando tra le altre vecchie glorie come Batistuta e Antognoni sempre in grande spolvero.