Protesta di 7 ore sul tetto del Teatro alla Scala, striscioni per il no al referendum

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:05

protesta-teatro-alla-scalaHa messo in piedi una protesta che non è decisamente passata inosservata Martin Advinski, 50enne di Sofia, in Bulgaria, che nella mattinata di oggi è salito sul tetto del Teatro alla Scala di Milano esponendo alcuni striscioni per sostenere il no al referendum Costituzionale in programma il prossimo 4 dicembre. Un contestatore, l’uomo che da dieci anni risiede a Ostiglia, il quale è rimasto per ore sul tetto rifiutandosi di scendere anche quando è stato raggiunto da alcuni vigili del Fuoco, insieme al Comandante del nucleo operativo della Compagnia Duomo e ad un negoziatore del nucleo investigativo.

La protesta è iniziata alle 8 del mattino quando l’uomo ha esposto tre striscioni con le scritte: “Presidente Berlusconi aveva visto giusto”, “Giustizia italiana uguale abuso di potere”, “Referendum categorico no” e “Libertà e democrazia = 0,0″”; è stato lui stesso ad allertare, poco dopo, i carabinieri segnalando la sua presenza sul tetto del famoso teatro milanese. Il contestatore non è nuovo a questo tipo di proteste, messe in atto anche in passato, l’ultima delle quali nel 2015 quando, per protestare contro la giustizia in Italia, è salito sul tetto di una chiesa sconsacrata di Mantova; in quel caso la sua protesta si concluse nove ore dopo.

Per accedere al tetto del teatro alla Scala si è infiltrato da un ponteggio allestito su un edificio limitrofo. Dopo sette ore di trattative i negoziatori dei carabinieri sono riusciti ad interrompere la protesta dell’uomo afferrandolo e facendolo scendere: è accaduto in un momento di distrazione del bulgaro, i carabinieri ne hanno approfittato riportandolo all’interno del terrazzo del teatro per poi bloccarlo definitivamente ed imbragarlo, mettendolo in sicurezza.

Daniele Orlandi

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!