Tangenti: arrestato sindaco di Aci Catena. Aveva detto: “Legalità unica strada per crescita”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:38

E’ stato arrestato dagli uomini della direzione investigativa antimafia di Catania assieme ad un assessore della sua giunta e ad un imprenditore locale Ascenzio Maesano, il sindaco di Aci Catena.

maesano-sindaco-aci-catena-arrestatoSu di lui una delle accuse più infamanti per un uomo che sia responsabile della cosa pubblica: corruzione nell’ambito di appalti per la fornitura di servizi al Comune del quale era primo cittadino. I particolari dell’inchiesta saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa del procuratore Carmelo Zuccaro e dal capo centro della Dia Renato Panvino.

Intanto, ciò che emerge in queste prime ore è che Maesano avrebbe alterato i risultati di due appalti che riguardavano la fornitura di materiale hardware e software al Comune di Aci Catena. Oltre al sindaco, le misure restrittive hanno coinvolto anche il consigliere Orazio Barbagallo, 65 anni, presidente delle commissioni Bilancio e Garanzia, nonché componente di quella alle Attività produttive, e l’imprenditore Giovanni Cerami, titolare della Halley Consulting, società di Aci Catena specializzata nella fornitura di componenti informatiche.Ad ognuno di loro i pm Pasquale Pacifico, Antonella Barrera e Tiziana Laudani hanno imposto anche il fermo per pericolo di fuga.

“La legalità è l’unica strada percorribile per assicurare la crescita dei territori”, aveva proclamato il primo cittadino nel giorno dell’apertura dello Sportello legalità e sviluppo economico di Aci Catena. Adesso, quelle parole, riecheggiano nel paese come una beffa, l’ennesima, di una classe dirigente incapace della minima coerenza.

Giuseppe Caretta

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!