Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Berlusconi ‘in lacrime’ alla Clinton: “Dici certe cose su di me…”

CONDIVIDI

clintonberlusconiEmergono nuovi dettagli dalle ultime e-mail relative alla vicenda Wikileaks. E riguardano la candidata democratica alla Casa Bianca, Hillary Clinton, che in una conversazione ‘off the record’ durante una conferenza organizzata da Goldman Sachs nell’ottobre del 2013 racconta il disagio provato nel dover contattare uno per uno tutti i leader interessati dalla fuga di e-mail, porgendo le dovute scuse.

La Clinton fa riferimento in particolare ad uno di questi leader, che si sarebbe addirittura rivolto ‘in lacrime’ all’ex segretario di Stato dicendole “Io sono un amico dell’America, e tu dici queste cose di me…”.

Nel raccontare questo particolare al Ceo di Goldman Sachs, Lloyd Blankfein (che la stava intervistando, ndr), la candidata democratica utilizzava un chiaro accento italiano. Dettaglio rimarcato dallo stesso Blankfein, con inequivocabile risposta della Clinton: “Abbiate senso dell’umorismo“, e successiva risposta del Ceo di GS: “E quindi tu hai detto, Silvio…”.

La trascrizione era contenuta in una delle e-mail rubate al capo della campagna di Hillary Clinton, John Podesta, che Wikileaks ha appena diffuso. L’ex segretario di Stato racconta il suo imbarazzo nel dover porgere le scuse ai vari leader: “Dovevo andare a dire: sai, i nostri ambasciatori, certe volte si lasciano trasportare, vogliono tutti essere dei letterati – ha detto la Clinton – Partono per la tangente”.