Home Lifestyle Pornografia e prevenzione: l’Università offre 400 sterline per fare sesso in video

Pornografia e prevenzione: l’Università offre 400 sterline per fare sesso in video

L’Università di Convertry (Inghilterra) ha destato scalpore pochi giorni fa, con la notizia di voler offrire 400 sterline ad alcuni giovani per fare sesso in video.

Un progetto nuovo e sperimentale, che intende far uso della tecnologia video, unita al prodotto più ricercato sul web, il porno.  Un’idea accattivante e forse immorale, usata per fini educativi, a scapito, probabilmente, dell’etica  comune , ma per un giusto scopo, ossia promuovere la campagna contro le malattie sessualmente trasmissibili.  L ‘ Ateneo non ha esitato a offrire a tre coppie la cifra, in cambio della “prestazione”, cosa che non è stata digerita dall’ opinione pubblica, in quanto il progetto sarebbe finanziato con soldi dello stato.manuale-amore-infedele3-e1450201806421

Il progetto di pornografia e prevenzione ha aperto tempestivamente il dibattito pubblico “Speriamo con questo lavoro di arrivare a ridurre l’incidenza delle infezioni sessualmente-trasmissibili tra i giovani, incrementando l’utilizzo dei preservativi”, ha commentato alla stampa inglese Katie Newby, il medico e direttrice che coordina il progetto .

Ma le critiche sono state feroci, e il progetto considerato contro-paideutico. Chris McGovern, numero uno di Campaign for Real Education, convinto che internet sia “stracolmo di film sessuali che possono essere usati per diffondere questo messaggio, senza dover pagare coppie per filmare un video pornografico”.

Luca Mirra