Home Notizie dal territorio Milano Milano: tra i grattacieli di Porta Nuova arriva la Biblioteca degli alberi

Milano: tra i grattacieli di Porta Nuova arriva la Biblioteca degli alberi

milano-biblioteca-degli-alberi

E’ tutto pronto per uno dei progetti più interessanti di Milano, la Biblioteca degli alberi, che verrà realizzata in Porta Nuova, ai piedi del celebre Bosco Verticale. Si tratta di un vero e proprio parco tematico, che verrà realizzato su una superficie di 90mila metri quadri, caratterizzato da diverse ‘stanze vegetali’, nelle quali radunare singole specie di alberi come pioppi e querce americane; un progetto frutto del lavoro del paesaggista olandese Petra Blaisse di Inside Outise, vincitore del 2004 del concorso che il comune di Milano ha indetto allo scopo di realizzare un grande parco attorno ai nuovi grattacieli di Porta Nuova e di piazza Gae Aulenti.

Progetto che prevede non solo la creazione di miniforeste circondate da viali e sentieri ben collegati sia con le fermate degli autobus che con quelle della metropolitana; ma anche campi e aree nelle quali organizzare mercatini, spettacoli, attività ludiche per i bambini ed altri eventi, oltre ad aree attrezzate per lo sport, zone di prato e di prato fiorito, percorsi pedonali e ciclabili. Tra le zone più curiose non mancheranno le circular forests illuminate, con gli alberi monospecie, giardini di bambù e di piante perenni, di graminacee e dedicati ad erbe aromatiche ed ornamentali.

Obiettivo della Biblioteca degli Alberi è quella di ‘compensare’ le edificazioni degli ultimi anni, creando un grande polmone verde in una delle aree ad oggi più moderne e caratteristiche di Milano. Il cantiere aprirà ufficialmente tra poco più di un mese anche se in questi giorni sono arrivati i primi alberi e si è provveduto a recintare l’area nella quale si trovava l’orto didattico, progetto realizzato dalla Fondazione Catella nel 2015, che verrà ora ‘sostituito’ dalla prima area del parco pubblico che sorgerà tra via De Castillia e via Sassetti. Ma il progetto prevede la realizzazione di un nuovo orto, in un’area che ospiterà un nuovo programma di laboratori didattici. L’intervento, insomma, andrà a completare la radicale trasformazione urbanistica di Porta Nuova ed è da tempo atteso dalla cittadinanza che certamente utilizzerà il parco, una volta pronto.

Daniele Orlandi