Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

E’ morta Tina Anselmi, prima donna ministro della Repubblica italiana

CONDIVIDI

tinaanselmi

Il mondo della politica italiana è in lutto. E’ morta all’età di 89 anni Tina Anselmi, prima donna ad aver ricoperto l’incarico di ministro della Repubblica.

La Anselmi è deceduta la scorsa notte nella sua casa di Castelfranco Veneto.

Eletta più volte parlamentare nelle file della Democrazia Cristiana, Tina Anselmi fu nominata ministro del lavoro e della previdenza sociale nel 1976: allora, il governo in carica era presieduto da Giulio Andreotti.

Figlia di antifascisti, da ragazza entrò nella Resistenza operando da staffetta partigiana con il nome di ‘Gabriella’ e si iscrisse alla Democrazia cristiana nel 1944.

Da sindacalista, prima con la Cgil e successivamente, dal 1950, con la Cisl, si è occupata dei lavoratori del tessile e della scuola, e nel 1959 entrò nel consiglio nazionale della Dc, di cui è stata deputata dal 1968 al 1992.

Fra gli incarichi più in rilievo della sua carriera va ricordata in particolare la presidenza della commissione d’inchiesta parlamentare sulla loggia P2, dal 1981 al 1985.

Il 2016 è stato un anno di riconoscimenti per la Anselmi: alla prima donna ministro della Repubblica Italiana è stato dedicato un francobollo e la sua città le ha tributario un omaggio per l’anniversario della sua nomina a ministro, avvenuta nel 1976 quando l’allora governo era presieduto da Giulio Andreotti.