Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Terremoto, le scosse hanno deformato un’area di 600 km quadrati

CONDIVIDI

terremotoGli ultimi due terremoti del 26 e 30 ottobre hanno deformato un’area di 600 km quadrati. E’ quanto emerge dalle analisi del satellite radar Sentinel 1 del programma europeo Copernicus, secondo cui le due potenti scosse sismiche (la prima di magnitudo 5.9, mentre quella di domenica mattina addirittura di 6.5 risultando la più forte in Italia dal 1980) avrebbero causato nuovi avvallamenti e rilievi nell’ampia zona interessata.

I maggiori movimenti del terreno si sono avuti in un’area con un’ellisse lunga circa 40 chilometri e larga 15 (all’incirca da Pieve Torina ad Accumoli), come riferito da Stefano Salvi dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) che ha elaborato le informazioni raccolte.

All’interno di questa ellisse, dove le frange sono più fitte, si trova la zona in cui il suolo si è abbassato fino a 70 centimetri, nei pressi di Castelluccio di Norcia, borgo fortemente lesionato dal terremoto del 26 ottobre e distrutto dalla violenza della scossa di domenica mattina. “Fuori dall’ellisse, a Est e a Ovest – spiega l’INGV – il terreno è stato sollevato di alcuni centimetri”.

Intanto, il capo della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, ha precisato che “chi ha una necessità particolare o l’impossibilità di spostarsi per via di un’attività sul territorio, avrà a disposizione i container“. Una strategia che sarebbe stata già condivisa con i sindaci dei comuni colpiti dalla furia del sisma.