Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Berlino: arrestato rifugiato siriano che preparava un attentato

CONDIVIDI

germany

Ieri sera a Berlino la polizia tedesca ha arrestato un ventisettenne rifugiato siriano dopo un blitz in un appartamento locato nel quartiere  di Shoeneberg. La polizia sospettava da tempo un implicazione del giovane siriano nel gruppo terroristico dell’Isis, un sospetto che sembra  fondato visto che nell’appartamento sono stati trovati diversi esplosivi che dovevano servire ad un attentato all’aeroporto di Berlino sulla stregua di quelli già effettuati a Parigi e Bruxelles.

Non ci sono più dubbi che la Germania sia il prossimo obbiettivo dello Stato Islamico, già il mese scorso (il 10 ottobre) un altro combattente distaccato dell’Isis, Jaber Albakr (22 anni), era stato arrestato a Lipsia. In quella occasione la polizia tedesca aveva ritrovato mappe e progetti che riguardavano un attacco terroristico in grande stile agli scali aerei di Berlino. Albakr si era poi suicidato in prigione per evitare di rivelare dettagli fondamentali al proseguimento dell’operazione.

Stando a quanto rivelato dal quotidiano tedesco ‘Focus‘ la polizia è stata avvisata dell’imminente attentato da un servizio di intelligence straniera che aveva scoperto un documento d’identità fasullo al momento del suo ingresso in Germania nel 2015. La polizia, infatti, lo teneva sotto controllo da diverso tempo, adesso, con il suo arresto si spera di sgominare in tempo un possibile attacco alla capitale tedesca.