Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Politica estera

Turchia: arrestati leader partito filo curdo Hdp. Bloccato anche l’accesso ai social

CONDIVIDI

haberresim37366

I due principali leader del partito filo-curdo attivo in Turchia sono stati arrestati stamani dalla polizia governativa nel corso di un blitz antiterrorismo.

Stando a quanto trapela dalle fonti il primo dei due politici, Selahattin Demirtas, è stato arrestato nella sua casa sudorientale di Diyarbakir, mentre la co-leader Figen Yuksekdag è stata tratta in arresto mentre si trovava ad Ankara. Discordanti, invece, le versioni che spiegherebbero la decisione della magistratura turca. Secondo la televisione Ntv, ad esempio, i due sarebbero finiti al centro di un’inchiesta in merito ad una presunta propaganda che avrebbero svolto in favore del Pkk, il Partito dei lavoratori curdi dichiarato fuorilegge da Ankara. Secondo il giornale Hurriyet, invece, questi arresti farebbero parte di un più amplio programma di repressione condotto dal governo di Erdogan contro gli oppositori politici. Assieme ai due noti leader, infatti, sarebbero finiti in manette anche altri parlamentari dell’Hdp, il Partito democratico del popolo, terza forza politica del Paese.

Inoltre tutti i principali social media risultano bloccati. Youtube, Facebook e Twitter sono inaccessibili dall’1,20  (ora locale) di questa notte, come denunciato dal gruppo di monitoraggio Turkey Blocks. Restrizioni anche per i servizi di messagistica di Whatsapp, e Instagram. Sono attese manifestazioni di sostegno agli arrestati, in una Turchia sempre più tesa e sempre più lontana dall’Europa.

G.c.