Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Venezia, il sindaco pensa ad una tassa d’accesso aggiuntiva: “Basta turismo mordi...

Venezia, il sindaco pensa ad una tassa d’accesso aggiuntiva: “Basta turismo mordi e fuggi”

Il turismo a Venezia sta diventando un problema? E’ un interrogativo naturale questo, se si pensa che il sindaco (ma anche i cittadini) sono spazientiti dall’afflusso di turisti ritenuto eccessivo, e dalla maleducazione e sporcizia che gli si attribuisce. Tanto che adesso il sindaco Luigi Brugnaro pensa anche di aggiungere una tassa supplementare per i turisti che si recano a Venezia, ma pensata appositamente per i turisti “mordi e fuggi”, turismo che “non dà grandi benefici alla città e va regolamentato”.

venezia

“La tassa di soggiorno non basta per finanziare i servizi utilizzati dai turisti. Penso a un contributo, un obolo inversamente proporzionale al tempo di permanenza. Chi arriva e parte in un solo giorno paga di più, ogni giorno di pernottamento fa calare l’entità del contributo” sostiene Burgnaro.

Non solo: il sindaco vuole proporre a Renzi un “equo scambio”, vale a dire accettare il Mose ma predisporre un nuovo porto per Venezia, per accogliere il commercio, che sta scappando verso altre zone. Infine, parlando dell’Unesco che aveva minacciato di mettere Venezia nella black list dei siti a rischio di essere tolti fra quelli patrimonio dell’umanità, Brugnaro ha commentato: “Ci minaccia un’organizzazione che cambia i nomi ai luoghi sacri di Gerusalemme. Ignobile. Non accetto giudici e controllori, ma proposte. A casa nostra i conti li facciamo da soli”.