Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Politica estera

Parigi: sgomberato campo profughi di Stalingrad, il più grande dopo “la giungla” di Calais

CONDIVIDI

Ci sono voluti 600 uomini delle forze dell’ordine per sgomberare il campo profughi denominato Stalingrad, il più sgomberi parigigrande della città di Parigi, a pochi passi dall’omonima stazione della metropolitana, tra il X e l’XI arrondissement.

Lo sgombero, come molto spesso accade in queste circostanze, è iniziato alle prime luci dell’alba. Fortunatamente non ci sono stati episodi di violenza. I migranti, 3852 persone che vivevano praticamente all’addiaccio, sono state trasferite in diversi centri d’accoglienza del Paese, principalmente nella regione dell’Ile de France. Come ha spiegato lo stesso prefetto Jean-Francois Carenco, quasi un migliaio di persone verranno ospitate in un’unica, grande palestra (“Molte persone- ha detto- criticano a torto queste sistemazioni in palestre”), per poi essere indirizzate verso la struttura in cui vogliono andare. “I migranti- ha chiarito infatti una portavoce della prefettura- potranno fare richiesta di asilo nei centri in cui sono stati trasferiti.”

Lo sgombero del campo di Stalingrad arriva a pochi giorni da quello, affatto incruento, che ha riguardato “la giungla” di Calais. Li ci vollero tre giorni di interventi e lunghe trattative con i manifestanti, asserragliati dietro baracche incendiate e linee di barricate. Oggi tutto s’è svolto senza alcuna resistenza.

Difficile anche la situazione complessiva del Paese, con decine di migliaia di migranti che transitano dalla Grecia o dall’Italia diretti nel Regno Unito. Scrive infatti la BBC: “Se il tappo era Calais, il collo della bottiglia era Stalingrad“. E per l’Europa, ancora, non si intravede via d’uscita da questo dramma epocale che coinvolge popoli e continenti.

G.c.