Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Filippine, Abu Sayyaf dichiara: abbiamo rapito un turista tedesco ed ucciso la sua fidanzata

0
CONDIVIDI

Abu Sayyaf, il temuto gruppo paramilitare separatista formato da estremisti islamici, ed attivo nelle Filippine, ha rivendicato il rapimento di un turista tedesco e l’uccisione della sua fidanzata. Il gruppo di estremisti islamici ha sostenuto di aver rapito un turista e ucciso la fidanzata mentre i due si trovavano a bordo di uno yatch, nelle isole a sud delle Filippine. L’esercito filippino sta attualmente indagando circa la rivendicazione del gruppo jihadista allo scopo di verificarne l’autenticità.

abu-sayyaf

Secondo le prime informazioni, il turista catturato avrebbe 70 anni. Un portavoce del gruppo Abu Sayyaf, Muammar Askali, sarebbe stato raggiunto telefonicamente da un quotidiano filippino, ed avrebbe detto: “Sfortunatamente, l’altro ostaggio è morto, ha cercato di spararci, così le hanno sparato”. L’ostaggio avrebbe chiesto aiuto all’ambasciata tedesca per ottenere la liberazione.

A riconferma di quanto sostenuto dal gruppo terroristico il cadavere di una donna straniera, sui 50 anni, sarebbe stato trovato in uno yatch abbandonato che riportava la bandiera tedesca. Secondo la polizia filippina i due sarebbero stati catturati vicino al Pegasus Reef, a circa 40 miglia nautiche dall’isola di Tawi Tawi.