Siria: l’orrore dell’asilo nido attaccato da Assad pubblicato su Twitter

asilo-siria-2La guerra si sa porta con se scie di vittime e atrocità, nonostante questa consapevolezza è dura non rimanere scioccati dalle immagini di bambini colpiti da scariche di mitra o uccisi da forti esplosioni. Sabato scorso ad Harasta, periferia di Damasco, l’esercito di Assad ha fatto un incursione nel territorio controllato dalle forze ribelli, i risultati di questo assalto sono orribili, folli, disumani: durante l’incursione le esplosioni hanno colpito si i ribelli, ma anche la popolazione civile tra cui un asilo nido che è stato letteralmente raso al suolo, al suo interno c’erano 25 bambini, tutti feriti, ed otto morti.

Se gli orrori della guerra fino a qualche tempo fa erano celati o riportati giorni, mesi o anni dopo da qualche giornalista, con la disponibilità di mezzi di diffusione di cui disponiamo al giorno d’oggi, le immagini atroci dell’asilo devastato, delle piccole scarpe insanguinate e dei bimbi feriti ci hanno messo poco più di 24 ore per diventare virali. A denunciare la violenza inaudita e priva di senso dell’esercito di Assad sono stati gli stessi genitori dei bambini che hanno postato le immagini dei figli e dell’asilo sui loro profili Twitter, nel post di denuncia messo da uno di questi genitori terrorizzanti c’era scritto: “Questo è il risultato del bombardamento all’asilo nido ad Harasta da parte della gente di Assad, quattro bambini morti e molti altri feriti“.