Napoli, al via il processo della piccola Fortuna Loffredo: le 2 piccole testimoni non verranno riascoltate

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:39

Il processo sulla morte della piccola Fortuna Loffredo, la bambina di soli 6 anni precipitata dall’ultimo pianto di un palazzo di parco Verde a Caivano, provincia di Napoli, riprenderà il 16 novembre. La bambina era morta in circostanze che avevano fatto pensare ad un omicidio in seguito ad un passato di abusi sessuali, che fu accertato solamente dopo la tragica morte della piccola.

fortunaDue anni prima nello stesso stabile era morto, in condizioni praticamente identiche, un bambino di nome Antonio Giglio, di 3 anni. I procedimenti sulla morte di Fortuna e quello sulla morte di Antonio non verranno riuniti in un unico procedimento, come richiesto dall’avvocato difensore di Raimondo Caputo, accusato di essere l’omicida della piccola Fortuna.

Intanto non verranno sentite di nuovo le due bambine, testimoni di accusa al processo per omicidio di Fortuna. La Corte ha sostenuto che le dichiarazioni delle due bambine amiche di Fortuna, raccolte nel corso dell’incidente probatorio, verranno risentite solo se questa necessità emerga dall’istruttoria dibattimentale. Il dibattimento avverrà a porte chiuse nelle udienze dove si tratterà di abusi sessuali su minori. Infine i giudici hanno ammesso le liste dei testimoni presentate dalle parti, fra i quali ci saranno probabilmente anche alcuni investigatori che hanno svolto la parte delle indagini.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!