Reggio Calabria, il sindaco Falcomatà riceve una busta piena di proiettili

falcomataNuove minacce di morte per il giovane sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà: questa mattina è trapelata la notizia che un paio di giorni fa, una busta gialla indirizzata al sindaco di Reggio è arrivata all’ufficio postale di Cantona (periferia nord della città calabra), l’addetto allo smistamento ha subito sentito al tatto che dentro la busta erano presenti dei bossoli di proiettili ed ha chiamato la digos per l’accertamento.

Dopo che il reparto specializzato dei carabinieri ha confermato il contenuto della busta, il sindaco è stato informato dell’atto intimidatorio, questo, però, aveva deciso di mantenere il riserbo sulla questione chiedendo ai suoi collaboratori più fidati di non diffonderla. Alla luce di questa notizia, assume maggior senso il post su Facebook che un paio di giorni addietro Falcomatà aveva condiviso sul proprio profilo, un post che tradiva una delusione ed un amarezza profonde senza entrare nel particolare.

Come riferito sopra non si tratta della prima intimidazione, nei mesi precedenti, infatti, il Sindaco di Reggio aveva ricevuto delle lettere intimidatorie tese a smorzare la sua politica di rilancio della città calabra, Falcomatà e la sua amministrazione, dopo aver trasformato Reggio Calabria da Provincia ad Area metropolitana, hanno approntato una serie di provvedimenti che mirano all’ampliamento del settore turistico e di quello industriale tramite investimenti esterni.

Vista la serietà delle minacce la polizia ha rafforzato le misure di sicurezza nei confronti del sindaco e del Palazzo San Giorgio (sede del comune reggino), qualsiasi movimento istituzionale viene seguito da una corposa scorta e nessuno non appartenente alla giunta comunale o agli uffici ha il permesso di entrare.