USA 2016, è il grande giorno: l’America sceglie il suo Presidente

Clinton, Trump pick up big winsIl grande giorno è finalmente arrivato. Il popolo americano si sta recando alle urne per scegliere il prossimo Presidente degli Stati Uniti, che succederà a Barack Obama.

La campagna elettorale è stata piuttosto deludente, improntata quasi esclusivamente sulle accuse reciproche tra i due candidati e sul ‘pettegolezzo’.

Stando ai sondaggi, la candidata democratica Hillary Clinton conserverebbe un vantaggio tra i tre e i quattro punti percentuali sullo sfidante repubblicano, Donald Trump. La chiusura dell’indagine da parte dell’FBI sulle mail inviate dalla Clinton quando era segretario di Stato – che ha fatto infuriare il tycoon – ha permesso alla ex first lady di conservare il vantaggio e di incrementarlo nelle ultime ore.

La Clinton dovrebbe partire da 203 grandi elettori sicuri, mentre Trump dovrebbe averne 164. Saranno decisivi circa 15 stati dove il testa a testa è molto marcato: in particolare la Florida (che garantisce 29 grandi elettori) e la Pennsylvania, dove entrambi i candidati si sono recati per i comizi finali.

A Philadelphia, sul palco della Clinton sono saliti anche Barack Obama e sua moglie Michelle, oltre alle rockstar Bruce Springsteen e Jon Bon Jovi. “Bisogna dare continuità, dovete votare Hillary così come avete fatto con me” ha detto il Presidente uscente, mentre a Scranton il magnate repubblicano ha ribadito che la Clinton “è colpevole”, e pertanto non dovrebbe concorrere per la carica di Presidente. “Fate giustizia nelle urne”, ha detto Trump.

Intanto, negli USA non si voterà solo per il Presidente. Arizona, California, Maine e Massachusetts votano infatti per  legalizzare la produzione, la vendita e il consumo di marijuana a scopo ricreativo, mentre California e Nebraska voteranno per abrogare la pena di morte.