USA: Trump trionfa, l’Hashtag “Calexit” diventa virale

calexitIl giorno dopo l’election day negli USA che ha visto la sorprendente vittoria del candidato repubblicano Donald Trump, gli avversari politici si dividono tra chi è sconfortato ed incredulo da quanto accaduto (una reazione del tutto simile a quella avuta dai cittadini britannici dopo le votazioni del Brexit) e chi cerca soluzioni alternative per non sottostare ai risultati delle votazioni.

La sconfitta è stata particolarmente pesante nella costa ovest degli states: tutti gli stati della parte ovest del continente nord americano a partire dalla California per finire con l’Oregon hanno fatto fronte comune e votato in blocco per i democratici (più per osteggiare l’elezione di Trump che non per favorire la Clinton), non è dunque un mistero il perché da quelle parti la sconfitta di Hillary Clinton sia vissuta con particolare trasporto.

Sui social, dunque, si è diffusa una serie di soluzioni per evitare di essere governati da Trump, la più estrema e seguita delle quali parte dalla California: i democratici, tra il serio ed il faceto, hanno proposto un movimento secessionista della California con l’hashtag “Calexit“. Il trend è diventato subito popolare su Twitter e conta adesso migliaia di follower, eccovi alcuni commenti degli utenti che seguono il post: ” Sembra che in un modo o nell’altro ci sia un cavillo legale che permette alla California di fare una secessione, bene!“, oppure “Razzismo, Sessismo, Omofobia, Trasfobia, Classismo. Se tutto questo rende di nuovo grande l’America noi non siamo America. #Calexit