Morire da martire, un capo jihadista afferma di aver introdotto in Europa 90 terroristi

Abdelhamid Abaaoud, capo del commando e  protagonista dell’attacco multiplo a  Parigi, un anno fa, che ha ucciso 130 persone, non è stato, tuttavia, il cervello dell’operazione. La polizia ora attribuisce questo ruolo al belga Osama Atar, 32, un residente del distretto di Bruxelles del Molenbeek, che come Abaaoud.

bataclan

Abaaoud, ha giocato un ruolo chiave in questa cellula di morte, di  jihadisti belga e francesi, che ha seminato cadaveri per le strade europee.

A Parigi, aveva rivelato a suo cugino Hasna Aït Boulahcen  (che morì con lui durante l’assalto della polizia a Saint Denis il 18 novembre) che aveva lasciato la Siria in estate con un gruppo di jihadisti “misto tra i rifugiati”  aggiungendo “Siamo riusciti a ottenere un gruppo di 90 persone:  iracheni, siriani, inglesi, tedeschi, belga, francesi,  fratelli in tutta la regione di Parigi. Su tutti i fronti. ”

Abaaoud ha esagerato,  sostiene  la polizia. Solo allora si è capito che nessuna infrastruttura lo avrrebbe potuto nascondere a Parigi. Inoltre  i ricercatori hanno dimostrato che gli attacchi suicidi di Bruxelles a marzo,  erano parte della stessa cellula,  come lo è stato Mohamed Belkaid, morto a Bruxelles e capace  di coprire la fuga di Salah Abdeslam, responsabile degli attacchi  a Parigi.

La polizia ha anche collegato  Abaaoud con gli  attacchi precedenti, come il Museo Ebraico a Bruxelles nel 2014 o il treno a Thalys  lo scorso anno. Nonostante questo importante ruolo nello Stato Islamico (ISIS), Abaaoud è entrato solo  un anno fa a Parigi per morire a 28 anni.